Fragile

.
FRAGILE
.
Ideazione e danza
Carla Onni e Giacomo Calabrese
.
Video
Giacomo Calabrese
.
Musiche originali e luci
Matteo Pedditzi
.
Rinunciare, nell’espressione, al dominio degli eventi è lo stesso che abitare un terremoto: cambia sempre la geometria.
Si è sempre in un disagio eccitato. Si è in pericolo. Si assiste a un maestoso fenomeno. Si è paurosamente soli.
Si è così ebbri.
Mariangela Gualtieri
.
.
Fragile è un lavoro che indaga l’essere esposti, il non proteggersi, il lasciarsi attraversare, il lasciarsi condurre. È un viaggio fra diversi  stati percettivi con il corpo e la voce dei danzatori, la musica e l’immagine video. Fragile è chi parte a mani vuote.
Tolto il dover essere, l’armatura, la maschera, rimaniamo noi, ognuno come è, ognuno come può, senza certezze, ma con delle verità sempre aggiornabili,  rimane quel che deve rimanere senza finzioni,rivelato, nudo….
Fragile è uno stato permeabile, percettivo, in ascolto, in sintonia col tempo.
Fragile è il momento della trasformazione, è il non sapere.
Fragile è il passaggio fra ciò che si conosce e ciò che ancora non ha forma, nome.
Fragile è l’emozione.
.
.